Voti totali:

Le storie finaliste (L'ordine dell'elenco non coincide con le valutazioni ricevute ma è puramente casuale)
1.
Il vero coraggio Cinzia usciva di casa prestissimo, tutte le mattine. Puntuale ogni giorno con qualsiasi tempo senza mai lamentarsi, inclinava leggermente la nuca da un lato e sorrideva, poi un bacio. Io restavo a letto, chiudevo gli occhi e pensavo ogni giorno a cosa potevo fare per lei. Movimenti ripetuti ogni...
 
2.
“Dai Mamma, dammi le mani e al tre ci alziamo. Uno, due, eee tre!” Io e la mamma quando andiamo al bagno facciamo il trenino. È un trenino speciale. Io sono davanti, in mezzo c’è la bombola dell’ossigeno, e lei aggrappata dietro. Il mesotelioma la insegue, corre così veloce e tenace da toglierle il fiato....
 
3.
Mi chiamo Yago e vivo ormai da dieci anni con la mia famiglia. Quel giovedì di un freddo dicembre, la mamma e Edo sono venuti al canile e mi hanno portato nella mia nuova casa; sono molto pigro e, sonnecchiando nella cuccia, tengo sotto controllo i miei umani, particolarmente innamorato della mamma. L'anno scorso,...
 

Le storie più votate
(L'ordine dell'elenco non coincide con le valutazioni ricevute ma è puramente casuale)
1.
Nella vita ci sono momenti per i quali non si è mai preparati… anche quando si pensa d’esserlo non lo si è! Quando senti un nodulo nel seno di tua moglie ti dici che non sarà nulla… ovvio che non sarà nulla, ed invece è qualcosa! Quando cerchi rassicurazioni nel dottore, perché si il dottore ti...
 
2.
IL CAMMINO ANCOR NON E' FINITO Ti vedo bella ancora seppur di sofferenza il viso invaso hai. Sale per vie nervose, spinta dal male che ognun teme e scienza lotta in forze estese. T'impigra al letto, stesa come mai voluto avresti e guardi invocando con il cuore e l'occhio languido la mia mano e nuova forza per...
 
3.
Il vero coraggio Cinzia usciva di casa prestissimo, tutte le mattine. Puntuale ogni giorno con qualsiasi tempo senza mai lamentarsi, inclinava leggermente la nuca da un lato e sorrideva, poi un bacio. Io restavo a letto, chiudevo gli occhi e pensavo ogni giorno a cosa potevo fare per lei. Movimenti ripetuti ogni...
 
4.
Tutto è affidato al Caso. Ma se il Caso, o il Kaos, è l’ordine a noi ancora sconosciuto, di cui cioè ci sfugge il controllo perché ancora non riusciamo a comprenderlo, il Kosmos è l’ordine come lo conosciamo, o come vogliamo che sia. Ma andiamo per ordine… È la primavera dell’86, due ragazzi...
 
5.
Non dimenticherò mai quella telefonata, quelle parole pronunciate dalla sua voce tremante : “Non è andata come ci aspettavamo”. Silenzio. Il mondo va in frantumi in un attimo. Ero lì, basito, nel vuoto della sala riunioni in cui mi ero rifugiato certo di buone notizie. Doveva solo ritirare gli esiti di un...
 
6.
Alle ore 14 del 16.10. 2004 il ginecologo,al termine della visita,diagnostica a mia moglie " un carcinoma di 2° stadio avanzato alla cervice uterina",patologia che, se non trattata in tempo utile, ci avrebbe consentito una esistenza all'incirca di due anni( stima fatta "ad abundantiam"). Dopo l'iniziale choc,con...
 
7.
“Dai Mamma, dammi le mani e al tre ci alziamo. Uno, due, eee tre!” Io e la mamma quando andiamo al bagno facciamo il trenino. È un trenino speciale. Io sono davanti, in mezzo c’è la bombola dell’ossigeno, e lei aggrappata dietro. Il mesotelioma la insegue, corre così veloce e tenace da toglierle il fiato....
 
8.
16 Maggio 2017 arriva la notizia di carcinoma al seno...barcolliamo...sbraitiamo...ci disperiamo ed iniziamo il nostro cammino fatto di amore e speranza. Quadrectomia...ancora. Quadrectomia...chemio...radio...mastectomia. Novembre 2018 ci dicono che va tutto bene, che il male è stato estirpato, ma dentro di noi...
 
9.
Se ne esce, eccome! Noi siamo stati fortunati. Perché nonostante i 2 tumori abbiamo avuto la possibilità di vedere cosa ci riservava il futuro. Noi siamo stati fortunati perché abbiamo avuto 2 tumori. È un’esperienza che ti lacera, ti annienta e poi, se rimani in vita, rinasci con una forza che gli altri, quelli...
 
10.
Mi chiamo Yago e vivo ormai da dieci anni con la mia famiglia. Quel giovedì di un freddo dicembre, la mamma e Edo sono venuti al canile e mi hanno portato nella mia nuova casa; sono molto pigro e, sonnecchiando nella cuccia, tengo sotto controllo i miei umani, particolarmente innamorato della mamma. L'anno scorso,...
 

Tutte le storie
49.
Ciao amore mio questa sera ho sentito questa strana pubblicità e mi è tornato in mente il tuo appunto manoscritto, sul retro della tua dispensa di studio infermieristico. In quell'appunto, che hai lasciato non so quando ma so da quanto è li la fotocopiatrice, hai citato la signora Allende. Il suo dire, vado a...
 
50.
E quindi? L’esito della TC non dava dubbi. I dolori che da più di due mesi si erano manifestati, qua e là, erano associati a quel piccolo rigonfiamento sulla clavicola destra che l’immagine aveva restituito come macchia nera. Piccola macchia nera. Segnale di un carcinoma renale a cellule chiare. Le domande...
 
51.
Arriva! Un meteorite, improvviso, devastante, letale. Piccolo, piccolissimo, a volte quasi invisibile. Ma che colpisce, strazia, deturpa, mina il fragile animo umano. Certo hai una via di scampo, ti allontani, abbandoni il campo, non ha colpito te, puoi evitarne gli effetti. No, non devi, credimi non devi. Ti...
 
52.
Gentilissimi, invio di seguito un testo che ho scritto dopo aver saputo della malattia della mia moglie, madre dei miei figli. Ora sta andando tutto per il meglio, anzi dopo la malattia da compagni siamo divenuti sposi. Quando ho visto la finalità divulgativa del Vostro concorso ho ripreso in mano il testo che è...
 
53.
È molto difficile descrivere le emozioni che ti attraversano quando vedi soffrire tua moglie, la donna che ami, la donna che ha condiviso il percorso più importante e creativo della mia vita. Già dall’inizio giovanissimi abbiamo sfidato tutte le regole convenzionali, nonostante provenissimo da mondi completamente...
 
54.
Come nel sonno, di notte, d’estate: un insetto all’orecchio. Mi risveglio sul divano scacciando l’aria vicino la testa. Mi guardo intorno. È giorno, è inverno. Ho sognato, non una zanzara, ma un pensiero sonoro, una memoria ronzante impiantata nel mio timpano tanto in profondità da arrivare al cervello e...
 
55.
Tutto comincia ad aprile 2015, dopo alcuni mesi che MARIA era strana, assente a tratti insensibile. Stanca dopo una drammatica visita al pronto soccorso, dove gli viene diagnosticata una leucemia mieloide acuta m1 Io non avevo capito, la gravità, nella nostra vita entra un mostro che ti trasforma, ti condiziona, ti...
 
56.
«Portami via con te, fammi volare» «Da qualunque parte e via» Manu si era distesa mollemente sul divano accanto a me e con una espressione languida, allungando i piedi, li fece scivolare sotto il mio maglione, al caldo. Al quel gesto inaspettato e apertamente confidenziale, rimasi sorpreso non nascondendo un certo...
 
57.
Non è al pianterreno la sala delle poltrone, sta solo un piano un po’ più in alto. Dentro angeli in bianco piantano aghi nel rosa della carne. Fuori tubi di metallo sputano dai tetti acqua sulla terra portandole la vita. Dentro tubi di plastica gocciolano “qualcosa” nelle vene provando ad aggiungere alla vita...
 
58.
Avevo un appuntamento di lavoro quel giorno. Uscii relativamente presto da casa. Mi pare che in quel periodo lei fosse in ferie dal lavoro. Quando ritornai mi sembrò strano non trovarla. Rientrò, e il suo viso era rigato da copiose lacrime. Quella mattina qualcosa dentro di lei aveva cominciato a funzionar male e le...
 
1 2 3 4 5