Torna alle storie
Roche – A fianco del coraggio
Voti totali:
"Salve a tutti, sono Maurizio e nel lontano 1994 ho conosciuto un ragazza molto particolare, che poi è diventata mia moglie Graziella: una donna dinamica, , artista, non si fermava mai, sempre pronta ad aiutare tutti. Dopo circa 3 anni lei ha cominciato ad avere degli strani disturbi, capogiri, perdita della vista, in quell'anno entrai a lavorare in un'azienda farmaceutica dove si faceva ricerca e fu proprio lì che cominciai a domandarmi il perchè dei suoi sintomi. La portai in ospedale contro la sua volontà, lei mi diceva che dovevamo lavorare sodo per sposarci e comperare una casa. Dopo tante ipotesi, finalmente le fecero la RM e scoprirono la SM. Da lì in poi la nostra vita cambiò, ma lei fu subito molto forte e non rinunciò a nessuno dei nostri progetti, tra cui il più importante : diventare Mamma. Adesso siamo genitori di 3 figli maschi, orgogliosi e fieri di avere creduto che a tutto c'è un rimedio. Sono molto felice di aver vissuto e vivere ogni minuto della mia vita insieme alla donna più bella e coraggiosa del mondo. Nella vita bisogna credere in se stessi e il sereno arriva. Mi auguro che la mia storia possa essere in qualche modo di sollievo, se pure minimo, a persone che vivono la sofferenza ogni istante della propria esistenza, senza mai gettare la spugna. Forza e coraggio! Buona vita a tutti. Un abbraccio di cuore, con affetto e simpatia, Maurizio"