Torna alle storie
Roche – A fianco del coraggio
Voti totali:
"Perché lei? La Mia Donna? La persona per me più importate, la donna che ho scelto di sposare, la donna che mi ha dato 2 bambine. La persona che amo di più della mia vita, a cui darei la mia vita. La donna che ho scelto di tenere per mano fino alla fine!!! Vivere al fianco di una persona con la S.M. non è semplice ed é come se convivessi anche tu con la malattia. Impari a capirla, a gestirla anche se non sempre è facile, perciò sono sincero...più di una volta avrei voluto che colpisse me e non mia moglie, perché quando ami una persona e questa sta male, preferiresti stare male al posto suo. La cosa piú dura per me è l' impotenza nel vedere la persona che più ami soffrire. Ti trovi solo perché non è una malattia che dura finché non fai qualche cura e poi magari passa...dura tutta la vita.. le persone lo scordano. Sono 8 anni che mi sveglio e dopo il buongiorno la prima domanda è come stai. E spero sempre che la risposta sia positiva perché, in caso contrario, ci si logora nella propria impotenza. Anche le nostre 2 bambine hanno dovuto sapere e capire cosa vuol dire quando la mamma sta male. Ma i bambini ci insegnano molte cose. Quando si è manifestata la malattia, la grande aveva 2 anni e mezzo e la piccola 6 mesi...é stata molto dura. Il mondo ci è crollato addosso. Come facciamo a spiegare a Giulia e Giorgia quando vedranno certe cose? Loro sono la Nostra Forza. Comunque ci é voluto tempo e forse ancora ce ne vorrá per metabolizzare questo macigno, ma con l'unione e l'amore si supera tutto. Ci saranno probabilmente ancora momenti duri da affrontare, ma lo faremo assieme, perché la S.M. puó ""disturbare "" ma non ""rovinare"" la Nostra vita. Il mio é un messaggio di fiducia e di positività. Sostenersi e lottare assieme, anche nei momenti di sconforto, perché la malattia colpisce tutti, perciò INSIEME SI PUÒ COMBATATTERE!!!"