Torna alle storie
Roche – A fianco del coraggio
Voti totali:
"Anche stasera siamo a letto in tre: io, la mia Elena, sfinita dall'ennesima risonanza e tu. Come ogni giorno ci aspettavi all'alba e noi, come ogni due giorni, ti aspettavamo con la siringa. Mi sono innamorato di lei in un giorno di luglio, ma mi ha parlato di te parecchio tempo dopo...quasi come parlasse di una banalità. Ho poi scoperto che ti eri già presa suo padre, ma nonostante ciò per lei non sei una nemica, ma un ostacolo da superare per poter vivere la Vita nel modo più pieno possibile. Per me tutto ciò all'inizio era assurdo, la rabbia e le lacrime, erano il mio companatico, poi invece ho imparato grazie a lei a reagire in modo diverso. Ora ti vedo, ti scanso, non ti sottovaluto di certo, ma non ti do più il modo di sopraffarmi. Sei un goal in fuorigioco nella finale dei Mondiali, vai annullato senza discussioni, perché la Nostra partita deve continuare, senza trucchi, senza inganni."