Torna alle storie
Roche – A fianco del coraggio
Voti totali:
"Laura ha aperto decisa la porta della sezione AISM ed è entrata sicura e spedita con i suoi diciassette anni e l'aria un po' malinconica. La accompagnano Giulia e Giorgio. ""Abbiamo accolto il vostro appello - dice - vogliamo partecipare alla campagna La Gardenia di Aism"". L'incontro si snoda con toni cordiali e leggeri, il solito incontro con gli studenti. ""Siamo qui perché ho la Sclerosi Multipla, i miei amici condividono la mia esperienza"" - Laura scandisce la frase con fare tranquillo, suscitando in me una ridda di forti emozioni, trattenute sul nascere. Così ci siamo conosciuti circa dieci anni fa, io con i miei capelli bianchi e lei con tutta la vita davanti. L'esperienza con Laura e con i suoi amici non è finita quel giorno. In seguito, supportata dalla sezione e dalla famiglia, ha partecipato al Convegno Giovani organizzato da Aism a Roma ed un pomeriggio in sezione trilla il telefono: ""Ciao, sono Laura, voglio parlarvi del convegno Giovani e della mia esperienza"". Organizziamo l'incontro e arriva con i soliti compagni-amici, ci abbraccia e ringrazia calorosamente. Mi colpisce e affascina questa giovane forte e sicura di sé, aperta al confronto, nonostante le cure. Racconta e racconta, l'incontro con i ricercatori, con la speranza di un mondo libero dalla sclerosi multipla. È inarrestabile come un fiume in piena. Alla fine, lapidaria come sempre, conclude: ""Io non ho parlato, non ho detto una parola, ho solo ascoltato e molto pianto, ma per la prima volta non mi sono sentita sola"". Grazie Laura, la tua esperienza rafforza la mia motivazione al volontariato in Aism. Mentre scrivo Laura mi sorride sui social con la corona di alloro in testa, simbolo dei traguardi che ha raggiunto e dei suoi sogni che la sclerosi non ha infranto. Voglio pensare che tutto ciò sia un po' anche merito della mia militanza in Aism. Auguri, auguri Laura di lunga e serena vita."